1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Verso il centro commerciale naturale: il percorso fino ad oggi

 

Giugno 2018

Presentazione del logo ufficiale del centro Commerciale Naturale e report azioni realizzate:

  • Riduzione costo parcheggi (0,50/ora) in piazza Robbio
  • Revisione e implementazione della comunicazione aree parcheggio con collocazione di oltre 40 cartelli di segnalazione aree sosta
  • Istituzione di postazioni di “Shopping & Go”, con sosta gratuita per la prima mezz’ora in piazza Mazzini
  • Proposata di prossima attivazione di sosta gratuita nelle ore centrali del pranzo
  • Incontro di approfondimento e formazione per commercianti

Maggio 2018

Martedì 29 maggio alle 14.30 la riunione del Tavolo nella Sala Consiglio

Aprile 2018

Lunedì 16 aprile riunione del Tavolo di Partenariato pubblico-privato

Febbraio 2018

Giovedì 15 febbraio riunione del Tavolo di Partenariato.

Ottobre 2017

Mercoledì 11 ottobre riunione del Tavolo di Partenariato.
Tra gli argomenti all'ordine del giorno: riqualificazione di piazza Cavour; parcheggi; attività di indagine, monitoraggio e comunicazione; presentazione di interventi di superamento delle barriere architettoniche con dotazione per gli esercizi commerciali di appositi scivoli removibili; presentazione della Fiera di San Martino.

Luglio 2017

Riunione del Tavolo di Partenariato, con proiezione slides riepilogative del progetto e presentazione del cronoprogramma.

Giugno 2017

Mercoledì 14 giugno si riuniscono i soggetti promotori del progetto per la valorizzazione del centro commerciale naturale di Chieri.
Prende così vita il primo Tavolo di Partenariato tra l'Amministrazione Comunale e le Associazioni di categoria del commercio, artigianato e agricoltura, Camera di Commercio, rappresentanti delle parrocchie di Chieri, Associazioni di operatori, Associazioni con finalità turistiche.

In tale occasionei componenti del tavolo firmano l'accordo di partenariato,di durata triennale, per favorire lo sviluppo del centro storico naturale. Il patto è stato sottoscritto da rappresentanti di: Comune di Chieri,Camera di Commercio di Torino,ASCOM Chieri,Centrocommchieri,Partner Card,Contrada della Chiocciola,CNA,Coldiretti,CIA,Confagricoltura,Associazione Venditori Ambulanti Chieri - AVAC, Associazione Il referente tecnico,Duomo di Chieri.

Febbraio 2017

Giovedì 9 febbraio viene presentato lo studio di fattibilità per il piano di valorizzazione del Centro Commerciale Naturale, a cura della Società di Ingegneria Tautemi Associati, aggiudicataria della procedura ad evidenza pubblica indetta dal Comune di Chieri. 
Il piano di valorizzazione presentato include un ampio ventaglio di iniziative e interventi multidisciplinari.
Con delibera n. 38/2017 la Giunta comunale prende atto delle risultanze emerse dallo studio di fattibilità.


Aprile-giugno 2016

tabella incontri aprile-giugno 2016

Si sono svolti gli incontri con diversi attori del sistema  che gravita attorno al commercio urbano, per presentare le  prime proposte, confrontarsi sulle tematiche rilevanti, recepire osservazioni, critiche e suggestioni utili sulle priorità di intervento e sulle azioni/attività da attivare, e, ultimo ma non meno importante, generare relazioni virtuose tra i vari soggetti.

 

Novembre 2015

Con determina n.659/2015 viene affidato alla Società di Ingegneria Tautemi Associati srl, l’incaricoprofessionale di redazione dello studio di fattibilità del progettosperimentale di valorizzazione e gestione condivisa del centro storico, conl’obiettivo più generale del miglioramento dell’attrattività dell’area e losviluppo della rete commerciale nell’ambito individuato.

Questi gli obiettivi specifici: 

  • qualificare l’identità dei luoghi
  • migliorare le condizioni di accessibilità e fruibilità dell’ambito
  • potenziare le capacità di cooperare ed innovare degli operatori commerciali
  • favorire l’animazione del contesto con un’offerta coordinata di iniziative

Luglio 2015

Il Comune pubblica il bando per la raccolta di candidature di liberi professionisti, singoli o associati, di società di professionisti o di ingegneria interessati a condurre uno studio di fattibilità sull'effettivo sviluppo commerciale del Centro Storico di Chieri come Centro Commerciale Naturale.
Lo studio di fattibilità prevede l'analisi, la progettazione e lo sviluppo del progetto sperimentale di valorizzazione e gestione condivisa del centro storico.

Giugno 2015

La Giunta comunale approva la delibera relativa al PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISADEL CENTRO  STORICO, contenente le linee di indirizzo per la realizzazione del progetto. 

Maggio 2015

Durante l'incontro del tavolo di confronto sul tema del commercio con le associazioni componenti (ASCOM, Centrocommchieri, Confesercenti, AVAC), il 27 maggio 2015 viene illustrato e condiviso il documento contenente le linee di indirizzo  del progetto sperimentale di valorizzazione e gestione del centro storico.

Gennaio 2015

Con un incontro aperto a tutti in sala Conceria, il 29 gennaio, l’Amministrazione inizia un confronto con la cittadinanza su come valorizzare il centrostorico, che nonostante sia uno fra i più belli del Piemonte risulta ancora poco valorizzato, penalizzando la vitasociale e culturale, il commercio e l’artigianato.


Giugno 2014

Con delibera n. 92 del 9/10/2014 vengono approvate le linee programmatiche dell'amministrazione dell'amministrazione comunale per il mandato 2014-2019, contenenti gli indirizzi generali di governo relativi alle azioni e ai progetti che l'Amministrazione comunale intende realizzare durante i 5 anni del proprio mandato amministrativo.

Tra queste azione, l'amministrazione comunale ha individuato nel recupero e rilancio del territorio comunale ed in particolare del centro storico cittadino uno degli obiettivi strategici del programma di mandato; riconoscendo al commercio urbano un ruolo fondamentale nella valorizzazione del territorio, ritenendo che la capacità di attrarre persone ed interessi possa divenire volano di sviluppo anche per altre attività di impresa e consapevole di come la vocazione  turistica della città sia strettamente legata allo sviluppo di un tessuto commerciale variegato e capace di creare condizioni accoglienti per il visitatore.