1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

VEN.TO

 

In bicicletta da VENezia a TOrino lungo il fiume Po

VENTO è un progetto ideato ed elaborato da DAStU - Politecnico di Milano, ed è il progetto di una ciclabile per cicloturismo come per la mobilità locale (tracciato + soluzioni tecniche einfrastrutturali), ma non solo: attraverso la leva del cicloturismo, ha come obiettivo la promozione di una concreta idea di sviluppo occupazionale, ambientale e alimentare.
La ciclabile VENTO collega VENezia con TOrino passando per Milano (EXPO 2015) e corre prevalentemente lungo gli argini del fiume Po (dettagli del progetto su www.progetto.vento.polimi.it). E' lunga 679 km, attraversa 242 località, 300 punti di ricettività, 2.000 attività commerciali e più di 10.000 aziende agricole oltre a paesaggi, sapori e saperi e tanti centri storici unici al mondo, che centinaia di migliaia di turisti vorrebbero visitare in bicicletta e non possono ancora farlo del tutto. 
In parte VENTO già esiste (15% del tracciati), in parte occorrono accordi politici e tecnici per utilizzare gli argini e percorrere ztl e sentieri, e in parte deve essere realizzata e messa in sicurezza. Di questi 293 km, 148 km necessitano di pochi e semplici interventi per diventare pedalabili in sicurezza (si tratta di tratti percorribili solo a mezzi autorizzati, tratti promiscui su strade a basso traffico, tratti promiscui su strade a 30km/h, argini accessibili alle auto, tratti (anche di ciclabile) aventi la pavimentazione leggermente sconnessa.
Il progetto di fattibilità si è ispirato ad alcuni criteri chiave per la ciclabilità turistica come la sicurezza (tutti i tratti devono essere protetti e non condivisi con le auto), l'intermodalità (il tracciato è stato studiato per essere prossimo alla rete del ferro e ai punti di navigabilità fluviale), l'unitarietà (l'infrastruttura richiede di essere riconoscibile per forma, stile e soluzioni tecniche ed inoltre richiederà visione gestionale unica), la connettività (VENTO si connette con altri tracciati esistenti o potenziali generando rete di cui VENTO è la dorsale principale), il low cost (tracciato e soluzioni sono state selezionate facendo si che siano a basso costo). 
VENTO è una dorsale straordinaria che ha tantissime opportunità per crescere collegandosi con altre ciclabili (Brennero-Peschiera-Mantova, Torino-Nizza, Mantova-Ferrara-Adriatico, etc.), raddoppiando sulla sponda opposta del Po come già proposto da Bicitalia.
Diverrebbe attuazione del disegno infrastrutturale europeo mettendo in collegamento il nostro Paese con altri paesi dove il cicloturismo è un'opportunità affermata di sviluppo.

La ciclabilità un'opzione culturale e di sviluppo per tutti

ven.to

Chieri e l'adesione al progetto

Anche la Citta' di Chieri ha aderito al Progetto VENTO promosso dal Politecnico di Milano e ha approvato lo schema di Protocollo d'Intesa Ciclovia VENTO, Venezia - Milano - Torino lungo il fiume Po