1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Contratti affitto a canone concordato

Contenuto della pagina
 

Siglato il nuovo Accordo Territoriale, tra le Associazioni dei proprietari e degli inquilini.
Dal 1° febbraio 2019 le agevolazioni in vigore:

  • aliquota IMU per i proprietari che stipulano questo tipo di contratto è ridotta allo 0,60 per cento
  • riduzioni fiscali IRPEF sia per proprietario che per inquilino (ai fini della dichiarazione dei redditi, il reddito imponibile derivante ai proprietari dai contratti agevolati è ridotto del 30%; l’imposta di Registro è calcolata solo sul 70% del canone annuo)
  • nel caso si faccia ricorso alla cedolare secca, l’aliquota IRPEF dei proprietari per i contratti agevolati è il 10% (rispetto al 21% dei contratti a canone libero)
  • rimborsi IRPEF per inquilini in base ai redditi
 

Per accedere alle agevolazioni, i contratti devono essere completi della vidimazione da apporre sulla Certificazione di Congruità (autocertificazione).


I contratti, una volta vidimati e registrati all'Agenzia delle Entrate, devono poi essere depositati in copia all'Ufficio protocollo del Comune. Per richiedere le agevolazioni IMU, si deve presentare richiesta all’Ufficio Tributi

L'accordo territoriale

L'Accordo regola il mercato delle locazioni, definendo forme e durate contrattuali alternative al contratto libero, indicando i valori minimi e massimi dei canoni dilocazione per i contratti a canone agevolato.
Questo amplia gli strumenti a disposizione per fronteggiare il disagio abitativo, introducendo la possibilità di affittare parti di uno stesso alloggio a più nuclei familiari, a studenti, a imprese, ad associazioni di imprese o ad Associazioni onlus.

Il Comune di Chieri ha svolto la funzione di capofila e da tramite per la stipula di Accordi Territoriali con i Comuni di Baldissero Torinese, Pecetto Torinese,Pino Torinese e Santena, consentendo ai proprietari e agli affittuari di questi comuni di beneficiare delle agevolazioni IRPEF previste.
In particolare, il territorio del Comune di Chieri è stato suddiviso in n. 4 aree omogenee: Centro, Semicentro, Periferia eCollinare.

Il “contratto di locazione calmierato” prevede che proprietario ed inquilino si servano di “un contratto tipo”, il cui canone venga calcolato basandosi su tabelle che prevedono un importo minimo ed uno massimo, a seconda delle zone della città e delle carateristiche oggettive dell’immobile (tabella elementi:come ad esempio presenza di ascensore, doppi servizi etc.).

Documenti