1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Giorno del Ricordo - 10 febbraio

 

Dal 2005, il 10 febbraio si celebra il giorno del ricordo delle vittime delle Foibe e dell'esodo giuliano dalmata.
A proposito di questa ricorrenza, Raoul Pupo, professore di Storia contemporanea all'Università di Trieste e uno dei massimi conoscitori del fenomeno delle foibe e dell'esodo Giuliano Dalmata, ha detto: "Per colmare queste ferite non è sufficiente il giorno del Ricordo: chi ha perso qualcuno, chi ha sofferto, non verrà mai indennizzato in
modo totale. Il giorno del Ricordo ha però un significato preciso: reintegrare nella memoria nazionale la memoria di chi è stato colpito da quelle tragedie. In secondo luogo, questa giornata consente agli italiani di riappropriarsi della conoscenza di una storia importante, non solo quella del massacro delle Foibe e dell'esodo, ma anche della storia della presenza italiana sull'adriatico orientale che è una parte importante della storia italiana. Prima del giorno del ricordo, fino agli anni '90, la memoria stava scomparendo, dopo è stata recuperata, salvata"
.

A chi volesse approfondire il tema proponiamo la lettura dell'intervento del prof. Pupo al Quirinale, in occasione delle celebrazioni ufficiali per il Giorno del Ricordo 2012, (disponibile a fondo pagina).


In un articolo apparso il 21 settembre 2014 su Il Sole 24 Ore, Boris Pahor, scrittore sloveno con cittadinanza italiana, classe 1913, ha scritto: "Mi piacerebbe che in nome dell'amicizia fra italiani e sloveni venisse distribuito nelle scuole superiori della Repubblica il risultato della Commissione italo slovena di cultura e di storia che fa chiarezza su quanto accadde ai due popoli anche negli anni della guerra e nel periodo postbellico. I risultati di quel rapporto, che i due governi anni fa avevano promosso, sono stati lasciati nel cassetto. Toglierli da lì, ecco il modo migliore non solo di onorare il centenario della Grande guerra, ma anche in maniera più giusta il Giorno del Ricordo del 10 di febbraio".

 

La Commissione storico-culturale italo-slovena cui fa riferimento Pahor venne istituita nell'ottobre 1993 su iniziativa dei Ministri degli Esteri di Italia e Slovenia nel tentativo di costruire una memoria storica condivisa dopo un secolo di tragiche contrapposizioni. I lavori della Commissione sono terminati nel luglio 2000. La Relazione è stata divulgata nella primavera 2001 (disponibile a fondo pagina).

Per comprendere la tragedia delle Foibe e l'esodo giuliano dalmata è fondamentale inquadrarli nelle vicende storiche del confine orientale. A tale proposito sono particolarmente interessanti le lezioni di storia "I giorni di Trieste", ideate dagli Editori Laterza. Sono nove lezioni affidate ad alcuni tra i maggiori storici italiani. Visualizza i Video

Un altro contributo interessante sul tema è il video prodotto dall'Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia, parte della documentazione del 4° Convegno Nazionale "La storia del confine orientale nell'insegnamento scolastico: attualità e prospettive future" tenutosi a Trieste il 14, 15 e 16 marzo 2013. Visualizza il Video

 
 

Documentazione

 

In Biblioteca a Chieri

dal 2 febbraio presso la Biblioteca Civica
proposta di libri sull'argomento