1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Centri di vacanza per minori

Contenuto della pagina
 

La Regione Piemonte, con la Determinazione Dirigenziale 18 maggio 2018, n. 411 ha approvato la nuova modulistica per la presentazione della Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA)  per l'attivazione dei Centri di vacanza per minori.
L'avvio del servizio di vacanza senza attività di ristorazione (esempio: i Centri di Vacanza che si avvalgono di forme di ristorazione riconducibili all'autoconsumo familiare, o quelli che si avvalgono di forme di ristorazione già autorizzate) è subordinato alla sola presentazione della S.C.I.A. (vedi modulistica allegata) da trasmettere al SUAP del Comune di Chieri all’indirizzo pec: protocollo.chieri@pcert.it

Le attività di preparazione e/o di somministrazione che rientrano in questa esenzione o che risultano già notificate, non ricadono nell’obbligo di trasmissione della notifica sanitaria, ma la presenza sul territorio di un Centro di vacanza per minori dove viene svolta attività di ristorazione, deve comunque essere segnalata al Servizio di Igiene degli alimenti e della Nutrizione (SIAN) dell’Azienda Sanitaria Locale (ASL) territorialmente competente, secondo le modalità descritte dalla Regione Piemonte con Determinazione Dirigenziale 17 maggio 2019, n. 392.

In caso di attivazione di un Centro che preveda attività di ristorazione ex art. 6 del Reg. UE n. 852/2004, il procedimento soggiace alle procedure in materia di sportello unico per le attività produttive (SUAP).
L'obbligo di presentazione della S.C.I.A. al S.U.A.P. (Sportello Unico per le Attività Produttive) per queste strutture è legato all'esistenza di un'attività di ristorazione intesa come preparazione di alimenti da parte di personale appositamente dedicato, per la successiva somministrazione. È obbligatoria la presentazione anche nei casi di sola somministrazione di pasti veicolati in multi razioni forniti da ditte registrate.

La notifica sanitaria da allegare alla S.C.I.A. ai fini della registrazione, è quella indicata nell'allegato A della D.G.R. 28-5718 del 2/10/2017.

Informazioni utili

La documentazione trasmessa non deve superare i 20 MB: nell’eventuale scansione dei documenti, si consiglia di usare l'opzione bianco/nero, con bassi livelli di risoluzione (suggeriti i 150 dpi), che ne consentano comunque una chiara lettura.

Non si possono trasmettere più istanze in un unico invio, anche se riferite alla stessa ditta.

Tutte le pratiche relative ai Comuni che aderiscono alla gestione associata (Arignano, Andezeno, Baldissero Torinese, Montaldo Torinese, Marentino, Mombello, Moncucco, Moriondo,Pavarolo, Sciolze) al momento possono essere presentate solo via PEC.

Modulistica

 
 

Costi

Per conoscere i costi relativi ai diritti di istruttoria delle pratiche SUAP, consultare il file sottostante


La ricevuta di versamento dei diritti di istruttoria va inserita tra gli allegati dell'istanza (formato pdf/A).