1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina
 

Chieri in Luce

 

Spettacolo di video mapping

ph Giancarlo Cazzin

Chieri in luce vuole valorizzare, riqualificare e riattualizzare il patrimonio storico e architettonico attraverso un’illuminazione artistica che coinvolge monumenti ed edifici simbolo dell’identità cittadina.

Non si tratta di una semplice illuminazione ma di una complessa e suggestiva proiezione artistica, che guarda a consolidate esperienze straniere, per esempio Madrid, Lione e la Fête des Images di Épinal, città francese gemellata con Chieri.

Ogni anno un monumento chierese viene illuminato, così da “restituirlo” alla comunità e regalare cultura e bellezza ai cittadini e ai turisti.

Si è iniziato nel 2019 con l’ Arco Trionfale ( con un mapping che si ispira alla trama di un tessuto di inizio ‘900 conservato nell’Archivio della Fondazione Chierese per il Tessile) ; nel 2020 è stata la volta della chiesa monumentale dei Santi Bernardino e Rocco (su cui quest’anno ci sarà una nuova proiezione statica che ne valorizza la volta).

La novità principale è il mapping che illuminerà la facciata del Duomo (Collegiata di Santa Maria della Scala), con una proiezione statica che si ispira alla Pala o Polittico Tana, conservata nel Battistero, raffigurante la Natività.
La Collegiata di Santa Maria della Scala, costruita intorno al 1037, è uno dei più grandi edifici del gotico piemontese. La Pala Tana, datata 1503, è un dipinto rinascimentale e gotico, opera del fiammingo Gomar Davers (o d’Anvers) e di Francesco Berglandi, raffigurante la Natività.

Le proiezioni sono a cura della Vies di Santena e realizzate dall’azienda Proietta di Avigliana, che ha lavorato su una fotografia scattata dal Gruppo Fotografico EffeOtto di Chieri.

Le proiezioni resteranno accese tutti i giorni dall’imbrunire fino a tarda serata, fino all’Epifania.

 

Programma

dal 4 dicembre al  7 gennaio
dalle 17.30 alle 21


Illuminazione dell'Arco Trionfale, della Collegiata di Santa Maria della Scala, della Chiesa dei Santi Bernardino e Rocco.

Credits

Contributo foto - Matteo Maso