1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina
Atlante del cibo di Torino Metropolitana
 
logo per il centro commerciale naturale

L’Atlante del Cibo di Torino Metropolitana è un progetto di ricerca interateneo, promosso dall’Università di Torino, dal Politecnico di Torino e dall’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino.

L’obiettivo dell’Atlante è produrre nuova conoscenza e aggregare quella esistente sul sistema alimentare metropolitano. L’Atlante analizza, mappa e comunica il sistema del cibo proponendosi come strumento partecipato e inclusivo di indagine e, allo stesso tempo, di progetto a sostegno di future politiche del cibo di questo territorio.

 

Il Sistema del Cibo del Chierese: tra sviluppo rurale e legami metropolitani

Tra le attività dell’Atlante del Cibo di Torino Metropolitana c’è quella di monitorare e valutare i sistemi del cibo delle piccole città dell’area metropolitana, con l’obiettivo di comprenderne le specificità, analizzarne le risorse e investigare i loro rapporti con la città capoluogo.


L’idea sottesa riguarda il fatto che l’analisi, la progettazione e la gestione del più ampio sistema alimentare metropolitano non possa prescindere dalla conoscenza dei diversi sistemi del cibo che lo compongono.
Il secondo Rapporto dell’Atlante del Cibo avvia il primo approfondimento territoriale dedicato al sistema del cibo della Città di Chieri e del territorio Chierese.


Recentemente, la città si è attivata per lo sviluppo di una riflessione di scala territoriale sul sistema locale del cibo e sull’attivazione di politiche integrate, anche in vista del possibile sviluppo di un distretto del cibo.
L’analisi presentata nel Rapporto costituisce il primo passo per la definizione delle priorità che eventuali future politiche rivolte a sistema del cibo del Chierese dovranno affrontare.

 
 

Per maggiori informazioni sul progetto Atlante del Cibo di Torino Metropolitana e per accedere ai Rapporti 2017 – 2018: