1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Padre Giacinto Garelli

 

Padre Giacinto Garelli era un padre domenicano nato nei pressi di Mondovì (CN) il 9 dicembre 1927; ha trascorso gli ultimi cinquant’anni nel convento di S. Domenico di Chieri dedicando il suo apostolato, in ambito cittadino, principalmente al mondo operaio, agli ammalati e alle famiglie da lui considerate la base fondamentale della società.

Fu cofondatore del gruppo dell’O.F.T.A.L. (Opera Federativa Trasporto Ammalati a Lourdes) di Chieri e come assistente spirituale, accompagnò il pellegrinaggio di ammalati a Lourdes dal 1958 al 2005.
Tutti gli anni in autunno, organizzava la giornata del malato nella chiesa di S. Domenico con un incontro di preghiera e con la benedizione degli ammalati.
Fu cappellano del lavoro all’interno delle fabbriche del chierese dal 1958 al 1978 predicando il vangelo non soltanto in modo tradizionale dal pulpito ma anche direttamente a contatto con la gente interessandosi dei problemi degli operai inerenti il lavoro, la famiglia, i figli e le persone anziane.

Nel 1964 apri il “Centro Gioventù Operaia” in Piazza Mosso in cui venne allestita una mensa per le lavoratrici provenienti dai paesi vicini che trovavano una cucina attrezzata per potersi preparare personalmente il pranzo o a farsi scaldare il “barachin” in un ambiente famigliare e riscaldato.
Vennero organizzati corsi di lingue straniere: francese, inglese e tedesco; il doposcuola per i bambini, conferenze e dibattiti sui problemi del mondo del lavoro e su quelli di attualità legati alla famiglia e a coloro che si preparavano a formare una famiglia: i fidanzati.

Formò a Chieri i gruppi dell’équipe di Notre Dame (movimento internazionale che si occupa della formazione sociale, umana e spirituale della coppia) che seguì personalmente per quarant’anni.

Nel luglio 1964 inaugurò la “Casa Alpina”, a S. Margherita di Dronero, attrezzata per ottanta persone e nel mese di agosto si organizzarono le ferie soprattutto per giovani che tra di loro si
amalgamavano, formavano gruppo e si divertivano con passeggiate, giochi, musica, ballo, scherzi vari e poi mantenevano questo rapporto di amicizia anche a Chieri.
La Casa Alpina permise ai giovani e alle famiglie chieresi di trascorrere spensierate vacanze per diciotto anni.

Nel 1969 ristrutturò “La Rotonda” di Agliè, con l’aiuto degli operai chieresi, la quale venne attrezzata per trenta persone e utilizzata soprattutto per le ferie dei pensionati che non potevano andare né al mare né in montagna e durante l’anno si organizzavano giornate di ritiro o di studio.
Venne da lui gestita per dieci anni.

Il Centro Famiglia

Nel 1972 il “Centro Gioventù Operaia” cambiò nome e divenne “Centro Famiglia”, perché le attività che si svolgevano erano rivolte prevalentemente alla famiglia. Le principali attività erano:

  • Corsi per genitori con figli in età evolutiva, in età adolescenziale e post-adolescenti
  • Corsi per i nonni
  • Doposcuola al pomeriggio per ragazzi delle medie
  • Corsi per fidanzati
  • Punto d’ascolto che dava consulenza alle coppie o alle persone con problemi relazionali
  • Consultorio famigliare comunale dato in gestione dal sindaco di Chieri Egidio Olia nel 1975
  • Dinamica di gruppo per gli adolescenti
  • Corsi di training autogeno
  • Venne fondata l’associazione “Scuola famiglia”, costituitasi negli anni in cui erano sorti i “Decreti delegati” per la preparazione dei genitori che volevano candidarsi a far parte dei consigli scolastici di classe, di Istituto e del Distretto
  • Iniziative di formazione religiosa: corsi biblici, giornate di ritiro per coppie di sposi, incontri spirituali per gruppi di famiglie, dell’équipe “Notre Dame” e dell’associazione delle vedove.
 

P. Giacinto Garelli morì il 12 giugno 2007.
E' sepolto nella tomba dei Domenicani nel cimitero di Chieri.

Luoghi chieresi QR code
Luoghi chieresi QR code