1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

MONUMENTI D'INTERESSE


ACQUEDOTTO ROMANO

Contenuto della pagina
Acquedottto Romano
 

Il reperto appartiene all’acquedotto che, dalI secolo d.C ., riforniva d’acqua potabileCarreum Potentia , la Chieri romana. Fu scoperto negli anni ʻ60 del Novecento dal Gruppo Scout di Chieri in un’area compresa tra le cascine Mangolina e Cantoria.

Alimentato dalle sorgenti tuttora esistenti sulla collina di Pino Torinese (Fontana del Maian e Fontana ‘d Marcantoni), l’acquedotto poteva trasportare fino a 4.000 m3 d’acqua al giorno. Lungo circa 5 km, raggiungeva la città seguendo il corso del Tepice, con un condotto probabilmente interrato che scendeva per un dislivello di quasi 50 metri.

La struttura, costruita esternamente con ciottoli, pietre e malta, era provvista di una canaletta interna, impermeabilizzata da un rivestimento di calce e frammenti di ceramica e laterizi (cosiddetto “cocciopesto”).

L’acquedotto alimentava anche la fontana monumentale scoperta nel 1990 all’interno di Palazzo Bruni.

Approfondimenti

Prima della costruzione dell’acquedotto, la città romana diCarreum Potentia doveva ricorrere all’uso di pozzi per rifornirsi di acqua potabile; la vita quotidiana dei suoi abitanti,a partire dal I secolo d.C. , venne quindi decisamente agevolata da quest’opera ingegneristica. Il bacino di captazione dell’acqua era verosimilmente situato tra il rio Gola e le attuali vie Val di Gola e Valle Miglioretti.

Fig.1 ritrovamento da parte degli scout

Da qui il condotto, probabilmente interrato, costeggiava il rio Gola fino alla confluenza con il torrente di Valle Ceppi, proseguendo poi lungo il Tepice verso la città. L’acquedotto alimentava anche la grande vasca in conglomerato cementizio scoperta nel 1990 all’interno di Palazzo Bruni, forse pertinente ad una fontana monumentale situata nel foro (fig. 1).
Il condotto era provvisto di serbatoi per regolare il flusso dell’acqua e di sistemi di controllo della portata.

 
Fig.1 ritrovamento da parte degli scout

La struttura, in conglomerato di pietre e ciottoli legati con malta molto dura, venne probabilmente realizzata direttamente contro terra. All’interno correva una canaletta a sezione rettangolare, impermeabilizzata da cocciopesto, coperta da tegole o laterizi (fig. 2).

 
Fig.2 sezione acquedotto

La struttura, in conglomerato di pietre e ciottoli legati con malta molto dura, venne probabilmente realizzata direttamente contro terra. All’interno correva una canaletta a sezione rettangolare, impermeabilizzata da cocciopesto, coperta da tegole o laterizi (fig. 2).

 
Fig.1 ritrovamento da parte degli scout

Nel 2016, in occasione del nuovo allestimento del reperto all’interno del portico del Municipio, il frammento è stato restaurato mediante un trattamento biocida per la rimozione dei licheni, con conseguente ripulitura e consolidamento (fig. 4).

 

Apertura al pubblico

Apertura tutti i giorni

 
 
 

Indirizzo

Porticato del Municipio di Chieri
via Palazzo di Città 10

 

Contatti

Servizio Promozione del Territorio e Attività Culturali
Telefono: 011.9428.342
E-mail: cultura@comune.chieri.to.it

 
 

Tickets

Ingresso gratuito.

 

Servizi Aggiuntivi

Accesso facilitato per i visitatori svantaggiati.

Parcheggio gratuito e a pagamento di piazza Dante con oltre 200 posti