1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Avvelenamento, un crimine odioso

Insieme possiamo sconfiggere il veleno

Il Consiglio Comunale ha approvato una mozione per il contrasto dell'avvelenamento di animali.

Non tutti sanno che i nostri boschi sono pieni di insidie, per gli animali e non solo: si nascondono trappole, lacci, tagliole, bocconi avvelenati: il bracconaggio è la principale causa di mortalità del lupo in Italia. Solo in Piemonte sono stati uccisi illegalmente 26 lupi negli ultimi 15 anni. 

Quella da avvelenamento può essere una morte veloce ma può durare anche per giorni e con forti dolori e convulsioni. 
E' importante ricordare che il veleno non sceglie le sue vittime: a farne le spese sono spesso anche cani da compagnia, gatti e, nel peggiore dei casi, persone. Non solo, ma il veleno rappresenta una catena di morte che provoca danni incalcolabili agli ecosistemi, perchè le sostanze impiegate per contaminare bocconi e carcasse sono così potenti da intossicare anche senza ingestione, senza contare che un animale morto avvelenato diventa a sua volta esca letale per chi lo consuma.

Il veleno è inutile, crudele, dannoso.

 

Le squadre cinofile antiveleno e il progetto LIFE WOLFALPS

Le squadre cinofile antiveleno LIFE WOLFALPS sono due e operano agli estremi delle Alpi: conduttori esperti e cani addestrati intervengono sia su segnalazioni di bocconi o carcasse sospetti, sia in via preventiva, per ispezioni su aree ritenute più sensibili. 
LIFE WOLFALPS - Il lupo sulle Alpi - è poi un progetto europeo che lavora per la conservazione a lungo termine della popolazione alpina di lupo, che lentamente e in modo naturale sta riconquistando i propri spazi.

Come contrastare il fenomeno, riconoscere i sintomi da avvelenamento e agire in caso ritrovamento bocconi

L'invito è quello di documentarsi e rimanere aggiornati sulle pagine del sito LIFE WOLFALPS
Mettiamo a disposizione l'informativa dove sono presenti anche indicazioni utili su come riconoscere e agire in caso di sintomi di avvelenamento nel cane o gatto, più come comportarsi in caso di ritrovamento esche.
Ancora, scaricabili due importanti relazioni redatte insieme ai Carabinieri e ai partner coinvolti nel progetto.