1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  1. Biblioteca Civica
  2. ArchivioStorico
  3. Città di Chieri
 

Contenuto della pagina

 

Archivio Storico - Serie Documentali di particolare interesse

 

In viaggio con la storia

 

In questa pagina si fornisce un excursus del materiale storico più importante a disposizione dell'utenza motivata a svolgere una ricerca negli argomenti trattati dall'Archivio.
Sono state scelte le serie documentali più rilevanti, che hanno sempre suscitato grande interesse e curiosità per scoprire i tratti storici più salienti di Chieri e dintorni.   
La documentazione sui centri del circondario di Chieri è di notevole ricchezza perchè, per lungo tempo, essi non godettero di autonomia formale, ma dipendevano dai signori locali i quali, a loro volta, dipendevano dal diretto dominio del Comune di Chieri. In particolare, Pino Torinese e Baldissero Torinese furono frazioni di Chieri fino al 1694, Santena fino al 1878.
 
Numerosi i disegni conservati, e organizzati in due serie fondamentali:
a. Articolo 164: include circa 80 disegni dal 1737 al 1850 circa
b. Serie Disegni 800-900: include circa 250 disegni dalla fine del Settecento al 1980 circa.
 
Si segnala la presenza di un preziosissimo disegno del secolo XV, denominato la Carta dell'Impiccato, che rappresenta una porzione di territorio fuori i confini chieresi, tra Trofarello e il colle della Maddalena e il castello di Rivera e un rarissimo documento della corte imperiale di Federico II di Svevia, redatto a Torino nel 1238, che attesta i rapporti tra Chieri e la corte del celebre sovrano del Sacro romano impero germanico.

 
 

Catasti:

sono presenti volumi di notevole interesse storico, tra cui si segnala quello risalente al 1253, considerato tra i più antichi catasti d'Europa, per scoprire i possessi di beni mobili ed immobili. Presenti anche interessanti documenti di catastazione, di particolare rilievo quelli risalenti al 1437 e al 1579 in cui i volumi seguono la divisione in quartieri della Chieri medievale e moderna: Albussano, Arene, Gialdo e Vajro.

 

Libri dei trasporti:

conservati dal principio del secolo XVIII fino al 1915 circa, si rilevano di grande utilità per seguire i passaggi di proprietà di un terreno o di un edificio. Sono inoltre contenuti indispensabili riferimenti agli atti notarili, reperibili presso l'Archivio Notarile Distrettuale oppure presso l'Archivio di Stato di Torino. In archivio storico si conservano anche i protocolli e minutari di alcuni notai della zona, che non sono passati nell'Archivio di Stato di Torino (ove si trovano le copie redatte per l'ufficio di insinuazione degli atti).

 

Ordinati del Comune:

Con questo nome altisonante si vogliono indicare i verbali delle sedute del Consiglio comunale, conservati a partire dall'anno 1328.

 

Verbali della Giunta Comunale:

Insieme ai verbali dell'organo collegiale del Consiglio Comunale non potevano mancare quelli della Giunta istituita nel 1848.

 

Quinternetti della taglia:

Più di 700 volumi per scoprire, studiare o semplicemente curiosare sul tipo e sulla quantità di tassazione che gravava sui chieresi a partire dal secolo XIV.

 

Libri delle condanne e liti civili:

Quali condanne veninano inflitte dal giudice locale? Questo ed altre curiosità minuziosamente descritte nei registri delle condanne. L'Archivio è dotato anche di numerosi volumi riportanti le liti o le cause che vedevano in conflitto la città di Chieri e i privati cittadini o la città di Chieri e gli enti.

 

Quietanze:

Sono disponibili migliaia di fogli di grande interesse che testimoniano nel tempo la varietà e la quantità delle attività comunali, corredati da quietanze di pagamento e ricevute dei lavori affidati direttamente dal Comune.

 

Registri anagrafici e censimenti:

Un ricco patrimonio documentale relativo ai registri di battesimo, matrimonio e sepoltura sia del periodo napoleonico sia del periodo successivo 1838-1865. Ai secondi si affiancano quelli della Università israelitica di Chieri, estintasi nel primo Novecento con decreto del 1917.
Oltre alla conservazione dei Censimenti che interessano un periodo che parte dal 1848 al 1936 sono consultabili i documenti considerati gli antenati dei censimenti dal secolo XVI alla fine del Settecento denominati I registri delle bocche per la levata del sale.

Per informazioni e contatti

 

DIRIGENTE 
Dott.ssa Lilia Marchetto

RESPONSABILE
Dott.ssa Silvia Basso
 
REFERENTE
Dott. Vincenzo Tedesco
 
Indirizzo via Vittorio Emanuele II, 1
 
Orario Archivio

da martedì a giovedì 9.00 - 12.30/14.30 - 18.00 

Telefono +39 0119428404
Fax +39 011.9428.367

E-mail archivio@comune.chieri.to.it

 
SBAM