1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

OPERE PUBBLICHE


PIAZZA CAVOUR

Contenuto della pagina
Un restauro urbano
 
 

Il progetto di riqualificazione di piazza Cavour prevede interventi su diversi fronti, mirati nel loro insieme a ridare a questo luogo centrale della città il suo senso originario, coerente con quello che era da sempre il suo valore: luogo centrale, vitale, flessibile, polifunzionale.

Il progetto è stato sviluppato tenendo conto di divers priorità:

  • tutela e valorizzazione del patrimonio storico-architettonico (chiese e palazzi)
  • luogo di vita quotidiana, punto di accesso naturale al centro commerciale cittadino
  • accessibilità e mobilità sicura
  • animazione del contesto, in occasione di eventi cittadini

Principali caratteristiche dell'intervento

Pedonalizzazione parziale della piazza, con un notevole aumento degli spazi dedicati a pedoni e ciclisti.
Verrà infatti resa pedonale tutta l'area che da via Vittorio Emanuele II va verso la Chiesa di San Bernardino.


Ripavimentazione della piazza, con utilizzo di pietre naturali: la pavimentazione centrale verrà messa in risalto da una cornice perimetrale di differente materiale.
Verranno posati ciotoli in porfido con motivo a forma di pavone, riproponendo quella che era la pavimentazione storica della piazza.
Nel lato che scende da via Marconi verranno posizionate delle trottatoie, simili a quelle già presenti in via Vittorio Emanuele II e originariamente presenti anche in piazza Cavour. Le trottatoie sono strisce parallele realizzate con lastre di granito che storicamente venivano utilizzate nelle strade acciottolate affinché carri e veicoli potessero procedere più agevolmente.


Rifacimento di tutti i sottoservizi, con installazione di sistemi tecnologici a scomparsa per gli allacci idrici ed elettrici.
É prevista la rimodernizzazione del sistema di raccolta acque e delle fognature.


Illuminazione pubblica: potenziamento e miglioramento, con recupero dei lampioni esistenti e installazione di nuovi lampioni di tipologia simile e ulteriore posa di lampade a raso.


Abbattimento delle barriere architettoniche, con eliminazione degli attuali marciapiedi e ripristino della pavimentazione a raso su tutta la piazza.


Viabilità: mantenimento della viabilità veicolare, con istituzione di un senso unico di marcia a scendere, sul lato verso la Chiesa di Sant'Antonio.
Istituzione, sulla piazza, di una viabilità a traffico moderato (30 Km/h).


Parcheggi da 21 a 20:mantenimento degli stalli destinati al parcheggio delle auto, ordinati su un unico lato, lasciando la restante parte della Piazza completamente pedonalizzata, per una maggiore fruibilità.
I posti dedicati al parcheggio delle automobili diventeranno 20, anziché gli attuali 21 e non saranno più a lisca di pesce.


Messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali e dello spazio antistante la Chiesa di Sant’Antonio.


Verde pubblico: mantenimento della vegetazione esistente e conservazione delle attuali fioriere in pietra.
A causa dei vincoli architettonici/paesaggistici stabilita dalla Soprintendenza non è possibile la piantumazione di nuovi alberi a terra, ma verranno installate fioriere mobili per consentire una maggiore dinamicità e flessibilità dello spazio.


Posizonamento di elementi di arredo fissi

  • Panche in pietra, che delimiteranno il perimetro della piazza
  • Lampioni (recupero degli esistenti più nuove forniture e integrazione con lampade a raso)
  • Cestini portarifiuti cilindrici d’acciaio zincato a caldo 
  • Dissuasori di ghisa sferoidale a base e corpo ottagonale
  • Delimitatori cilindrici in pietra, collocati per delimitare gli spazi auto 
  • Transenne modulari metalliche
  • Stendardi informativi in ghisa con pannelli in alluminio

Posizionamento di elementi di arredo mobili (fioriere, panchine, etc) che daranno la possibilità di vestire e trasformare lo spazio secondo le diverse esigenze d'uso, garantendone la totale reversibilità.
L’arredo urbano sarà quindi flessibile e non vincolante rispetto alle pluralità di attività a cui la piazza può essere destinata.


 

Il progetto è stato realizzato seguendo le indicazioni e prescrizioni vincolanti della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la Città Metropolitana di Torino, che svolge attività di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio culturale.


 

Il progetto di riqualificazione di piazza Cavour ha visto il coinvolgimento di alcuni attori nelle varie fasi del percorso, ed in particolare del tavolo di partenariato per la promozione del Centro Commerciale Naturale di Chieri, costituito dai rappresentanti degli Enti e delle Associazioni che hanno sottoscritto l’accordo di partenariato.